Presidente della Repubblica: 10 nomi che avrebbero spaccato di meno il PD

Proviamo a immaginare 10 nomi che, se proposti dal segretario del PD, sarebbero stati accolti con entusiasmo dai parlamentari e dalla base del centrosinistra.

A Bersani manca solo l'abito talare, perché l'estrema unzione al suo partito pare averla già data. Candidando Franco Marini alla Presidenza della Repubblica ha eseguito una delle più eccellenti performance di acquiescenza di fronte a Berlusconi che mai si siano viste negli ultimi vent'anni.

Ce n'erano tanti di candidati con le giuste credenziali, ne abbiamo selezionati dieci:

1. Caligola: insieme al suo fido destriero, il senatore Incitatus, potrebbe tenere saldamente le redini del Paese.

2. Freddie Krueger: sosterrebbe senza indugi i tagli ai costi della politica.

3. Giucas Casella: ci addormenterebbe e ci farebbe risvegliare (solo quando ce lo dice lui) in un'Italia fuori dal pantano.

4. L'imperatore Palpatine: nessuno più di lui può vantare tanta esperienza in ambito istituzionale.

5. Hannibal Lecter: conosce nel profondo le persone, ci offrirebbe da subito un assaggio delle sue grandi capacità.

6. La Mummia: sarebbe immune da tutti gli attacchi di Grillo: "Sei un morto che cammina!" "E' vero."

7. Magneto: l'Italia potrebbe tornare ad avere voce in capitolo nelle scelte di politica monetaria in Europa.

8. L'abominevole dottor Phibes: se a livello economico ci aspetta ancora un periodo di lacrime e sangue, meglio affidarsi a un professionista.

9. La saponificatrice di Correggio: primo è donna, secondo ha idee interessanti per rilanciare il settore dell'industria chimica.

10. Silvio Berlusconi: quando fai un regalo, perché badare a spese?

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail