Francobolli profumati, dalla rosa al maiale in agrodolce

francobollo_cina Per chi ama ancora la vecchia corrispondenza fatta di lettere e francobolli, nel mondo sono diffusi e utilizzati i francobolli profumati: da 35 anni la loro produzione si è sviluppata e raffinata, fino ad offrire svariate fragranze e possibilità di scelta, per dei francobolli utilizzabili e validi per inviare le nostre lettere più importanti.

Dalla rosa del Bhutan, il primo stato ad avere un francobollo profumato, nel 1973, a quelli indiani al gelsomino o al legno di sandalo, da quelli del Brasile al legno bruciato (per sensibilizzare sugli incendi alle foreste) o al caffè, al francobollo al cioccolato (ma buono solo per l'olfatto) della Svizzera, fino ad arrivare alla Cina, che propone il francobollo al maiale in salsa agrodolce..

  • shares
  • +1
  • Mail