Legione di vegani assalta festa degli arrosticini al grido di «Veganismo, Giustizia e Patate Lesse»

Ci siamo, l'invasione degli ultra-vegani ha inizio. Nessuna sagra è al sicuro.

Lo scorso weekend a Sassi d'Abruzzo (TE) con la complicità della notte, un manipolo di vegani incazzati come api ha assaltato gli stand per la vendita degli arrosticini ed altre pietanze in concomitanza della «Festa della Famiglia Abruzzese e Molisana». Gli eroici dissidenti mangia sassi hanno imbrattato i teloni di copertura con della vernice indelebile ed hanno tranciato i cavi per l'alimentazione elettrica.

Come si legge nel quotidiano La Stampa:

Numerose le scritte lasciate sui tendoni. C’è anche lo slogan del gruppo: «Veganismo e Giustizia». E poi, rivolto a chi ha partecipato alla festa di chiusura dell’estate: «Mangia cadaveri». E anche la sigla «Alf», Animal Liberation Front. Carlo Di Giambattista, che da tre anni è presidente della Famiglia Abruzzese Molisana del Piemonte e della Valle d’Aosta, osserva le foto delle scritte vegane sui teloni e scuote la testa: «Io accolgo qualunque convinzione, non mangio carne rossa e ceno sovente nei ristoranti vegani. Ma non posso accettare questa forma di protesta, che mi ricorda altre proteste diventate violenza».
La notizia dell’assalto è stata diffusa soltanto ieri, a festa conclusa, per evitare nuovi rischi

Fortunatamente l'attacco vegan non ha avuto grosse conseguenze e si sono consumati ben 20 mila arrosticini.

VIA | LaStampa.it

  • shares
  • Mail