Altre critiche alla teoria sull'esistenza di Babbo Natale

babbo natale 2

Marcello da Bari, un mio amico (alla pari di Renato da Lecce), che di professione fa il matematico mi ha mandato via mail le sue critiche alla teoria sull'esistenza di Babbo Natale che si aggiungono alle precedenti. Con orgoglio le pubblico!

- La prima è solo molto complicata.

Spiegazione relativistica: Babbo Natale può rendere la propria massa immaginaria (e tachionica) o reale a piacere, emettendo una varietà dei bosoni di Higgs o l'altra, e quindi spostarsi "avanti e indietro" nel tempo (senza distruggere l'universo intorno a sè, come farebbe curvando lo spazio tempo quanto basta per spostare 80kg di peso a riposo qua e là)

- La seconda, che secondo Marcello è migliore.

Spiegazione quantistica: nessuno può osservare Babbo Natale. Quindi lui esiste in tutto l'universo contemporaneamente con una certa probabilità. La mattina dopo compaiono i bambini. E quindi la probabilità di ricevere i loro regali si concretizza perchè loro stanno lì a guardarli.
Meno prosaicamente: poichè i bambini credono a Babbo Natale, allora lui esiste.

  • shares
  • +1
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: