Paracadutista sfiorato da un meteorite: il primo caso nella storia mai documentato


Il divertimento continua su Facebook: Se non metti 'mi piace', ridi solo a metà


 

Norvegia - Anders Helstrup, paracadutista professionista, decolla dall'aeroporto di Østre Æra situato nella contea di Hedmark, inconscio del fatto che che di lì a poco sarebbe diventato il primo paracadutista ad avere un contatto ravvicinato con un un piccolo meteorite.

Anders, equipaggiato di tuta alare e casco con telecamera, si lancia dall'aereo in volo e dopo pochi minuti di caduta libera apre il paracadute. Proprio in quel momento, percepisce qualcosa di strano nelle vicinanze. Così, una volta atterrato, si precipita a controllare il video e con suo grande stupore vede quel piccolo sasso sfrecciare vicino alla vela in dispiegamento.  Inizialmente  aveva escluso l'idea di un meteorite, ma dopo aver mostrato il video a degli esperiti del Museo di Storia Naturale di Oslo, non c'erano più dubbi: quella piccola pietra non poteva esser altro che un frammento di meteorite staccatosi da un pezzo più grande. 

Ora vi starete chiedendo: ma un meteorite non è incandescente e quindi anche luminescente? Sì, ma solo nella prima fase di caduta libera. Una volta 'esaurita' la luce, il meteorite entra in una fase chiamata "dark flight", dove la temperatura è più bassa e di conseguenza non emette più radiazioni luminose. Il video ha un altro primato, infatti rappresenta la prima documentazione registrata di un meteorite durante la "dark flight".

Nonostante le numerose ricerche fatte nella zona circostante il lancio (il fatto è accaduto nel 2012), del meteorite non sembra esserci traccia.

    “Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita”.

VIA | nrk

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.

1 commenti Aggiorna
Ordina: